FIAMMETTA BORSELLINO a TARQUINIA con gli studenti di agraria

 

Tarquinia, studenti raccolgono olive su un terreno confiscato alla mafia

 

La scuola ospiterà il 12 dicembre prossimo Fiammetta Borsellino, figlia del celebre giudice antimafia, che condividerà con i ragazzi le proprie esperienze e il messaggio propositivo di un’Italia e un mondo migliori”.

Il corso di Agraria dell’istituto Cardarelli di Tarquinia in campo contro le mafie. Gli studenti hanno infatti raccolto le olive su di un terreno confiscato alla criminalità organizzata nella località San Giorgio.

L’idea di coinvolgere il Cardarelli è arrivata dal Comune di Tarquinia e la dirigente scolastica Laura Piroli ingrazia “il sindaco Giulivi e l’assessore Zacchei per averci coinvolti, perché è attraverso il fare che si costruisce con maggior forza e profondità. Lasciare un segno del nostro passaggio per modificare il passato e migliorare il futuro: questa la missione che gli studenti del corso di Agraria hanno voluto mandare quando, nel corso dei giorni scorsi, hanno inteso prendere parte all’iniziativa.

La sfida è arguta e non solo simbolica: da proprietà associata al mondo malavitoso, il territorio è trasformato in occasione di riscatto, che pone al centro come principale attore e autore la scuola di Tarquinia, che da anni combatte in prima linea a favore della giustizia e della legalità, educando i propri allievi a una cittadinanza consapevole. Il Cardarelli, nel 2016, ha infatti promosso la formazione di una Rete per la Legalità che è stata inaugurata ufficialmente nel 2017, arrivando a raccogliere, al momento, sedici scuole superiori tra la provincia di Viterbo e il comune di Civitavecchia. Questo ruolo guida è stato sancito dalla possibilità di aver conservato, per un anno all’interno della scuola di Tarquinia, il codice d’udienza del magistrato Giovanni Falcone, al quale la Rete è intitolata.

CORRIERE DI VITERBO 13.11.2022