«Il presagio di Borsellino in antimafia: i mandanti saranno i miei colleghi»

 

 

Le parole choc di Fabio Trizzino, avvocato della famiglia del magistrato ucciso nel luglio del ’92 a via D’Amelio, sentito in commissione Antimafia: «Definì il suo ufficio un “nido di vipere”»

«Chiediamo che le componenti statuali facciano piena luce su particolari dettagli della vita di mio padre in quei 57 giorni» tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio. Lo ha detto Lucia Borsellino nel corso di un’audizione in Commissione parlamentare Antimafia, presieduta dall’onorevole Chiara Colosimo, la quale proprio in una intervista al Dubbio disse «Ho le stesse domande che si fanno i figli di Borsellino e l’avvocato Trizzino e vorrei provare a trovare risposte, sui verbali del Csm e su quei famosi 57 giorni, perché se qualcuno in quel “nido di vipere” ha tradito si sappia».

«Siamo convinti, – ha proseguito Lucia – dopo aver assistito a piste investigative di questi anni che altre piste non hanno considerato atti, documenti e prove testimoniali che potessero fornire elementi indispensabili a capire il contesto in cui Paolo Borsellino operava negli ultimi giorni della sua vita». Dopo Lucia, è intervenuto suo marito e avvocato dei figli di Paolo Borsellino, Fabio Trizzino: «Denuncio il fatto gravissimo che il procuratore Pietro Giammanco non è mai stato sentito nell’ambito dei procedimenti per strage. E ora non possiamo sapere se lavorasse per qualcuno perché è morto». Trizzino ha ricordato una frase di Paolo Borsellino: «Mi uccideranno ma non sarà una vendetta della mafia: saranno mafiosi coloro che mi uccideranno ma quelli che hanno voluto la mia morte saranno i miei colleghi e altri», disse il magistrato morto nella strage di via D’Amelio. «Se confrontiamo questa testimonianza di Borsellino, che definisce il suo ufficio un “nido di vipere” bisogna cercare nella procura di Palermo» il luogo «di delegittimazione e di isolamento di Paolo Borsellino».

L’audizione si è concentrata in parte sul famoso dossier mafia appalti: era il 14 luglio del 1992, cinque giorni prima dell’attentato che gli costò la vita, quando Borsellino in una riunione in Procura chiese di approfondire il dossier. «Nel 1991 Falcone già disse che bisognava affinare le tecniche di indagine perché esisteva una centrale unica degli appalti dove sono tutti coinvolti.
Il chiodo fisso di Falcone era mafia appalti e su questa linea si porrà Paolo Borsellino.
È un falso storico che Borsellino non conoscesse il dossier Mafia-appalti». Aggiunge Trizzino: dopo tangentopoli e la crisi della partitocrazia «Riina si accorge che il sistema dei partiti sta crollando, allora decide che attraverso i grandi imprenditori deve raggiungere i sistemi di potere politico a Roma, come disse anche Giovanni Brusca.
La strage di via D’Amelio non ha senso guardando ai soli interessi di Riina.
Non si poteva ammazzare Borsellino sperando che lo Stato non reagisse. Ci deve essere stato qualcosa di talmente importante per cui Riina è andato oltre gli interessi dell’organizzazione».

L’avvocato ha ricordato poi cosa disse Antonio Di Pietro nel processo Borsellino ter: «Io e Paolo parlammo e ci dicemmo: “dobbiamo trovare il sistema per far parlare gli imprenditori”. E non dimentichiamo che anche Di Pietro doveva morire».
Trizzino sul circolo mafia, imprenditori, politici ha sostenuto che «tutto è delineato nel rapporto del Ros del 1991» redatto da Giuseppe De Donno e Mario Mori.
Poi il j’accuse: «La magistratura in tutti questi anni non ha guardato mai al suo interno, a come ha cannibalizzato i suoi figli migliori. Nel giugno 1992 il Csm decretò che Borsellino non aveva i titoli per divenire Procuratore nazionale e non riaprì i termini per le candidature».
«Il 29 giugno Borsellino andò da Giammanco per chiarire una cosa importante che rappresenta l’ostracismo e delegittimazione professionale verso Borsellino: mentre Borsellino era a Giovinazzo arriva un fax dal procuratore di Firenze, dal dottor Vigna, in cui si dice che Gaspare Mutolo ha parlato con lui e aveva deciso di saltare il fosso con l’unica condizione che a parlare con lui fosse Borsellino. Borsellino era credibile, chi lo doveva seguire Giammanco?
In realtà il Procuratore vuole impedire che Borsellino gestisca quel collaboratore e l’ostacolo per la titolarità del fascicolo viene individuata pretestuosamente nel fatto che il collaboratore avrebbe parlato del comparto palermitano mentre lui era coordinatore delle dinamiche di Trapani e Agrigento».

Inoltre discussero della informativa omessa di Subranni sull’arrivo del tritolo per uccidere Borsellino.
«Grazie alla dottoressa Lorenza Sabatino riusciamo finalmente ad avere il racconto di come Borsellino visse quell’incontro.
Così racconta quella giornata: “la mattina non era nella stanza e chiesi dove fosse e il commesso mi disse che era dal Procuratore. Mi chiamò la sera: il tono di voce era molto abbattuto e mi chiese quasi scusa per non avermi chiamata e mi disse che il giorno dopo doveva partire per Roma”.
Effettivamente il 30 giugno era a Roma per interrogare Mutolo, nonostante il fascicolo era affidato ad altri tre magistrati. “Poi gli feci una battuta: ho saputo che oggi sei stato in buona compagnia! E lui con lo stesso tono: è stata una cosa brutta e mi è sembrato di essere tornato ai vecchi tempi”».

Trizzino conclude: «Qui c’è un uomo puro che ha condotto una via crucis, fino al sacrificio più grande. È giunto il momento che intorno a lui non ci siano più divisioni».
Ci sarà una prossima audizione, forse già la prossima settimana per terminare la discussione di Trizzino.
In tutto questo parla ai giornalisti di Radio Campus il fratello di Borsellino, Salvatore: «Io escluso dalla convocazione dell’Antimafia? Non è andata così. Io – ha spiegato – ero stato invitato dalla Colosimo in persona a partecipare a una convocazione alla commissione antimafia, ma ho problemi di salute. Ho detto che non mi potevo spostare e quindi avevo rinunciato. Poi però è arrivata da parte del mio avvocato una sollecitazione ad accettare un’eventuale convocazione e allora l’ho comunicato alla stessa Colosimo che mi ha assicurato che a breve sarò convocato anche io insieme al mio avvocato. Ho letto ieri che ci sono state un po’ di maretta perchè è stato detto che non ero stato convocato. Le cose stanno come le sto dicendo». Valentina Stella IL DUBBIO 27.9.2023

 

ANTIMAFIA: il 27 settembre audizione in diretta di Lucia Borsellino e Fabio Trizzino

 

 

Archivio digitale logo base