Il 25 gennaio 1983 Cosa nostra uccide Giangiacomo Ciaccio Montalto

 

 

Giangiacomo Ciaccio Montalto (Milano20 ottobre 1941 – Valderice25 gennaio 1983) magistrato vittima di Cosa nostra.  Nato a Milano da famiglia trapanese[1], suo padre, Enrico, era magistrato di Cassazione. Il nonno materno, Giacomo Montalto, era notaio e fu sindaco di Erice. Il fratello Enrico, giovane dirigente comunista[2], partecipò alle lotte bracciantili nel dopoguerra. Enrico morì a 22 anni in un incidente stradale. Entrò in magistratura nel 1970 e divenne Sostituto procuratore della Repubblica di Trapani, dove era arrivato nel 1971Negli anni ’70 è stato pubblico ministero nel processo contro Michele Vinci, condannato per i delitti del cosiddetto “mostro di Marsala“, che nella città siciliana aveva rapito, gettato in un pozzo e lasciato morire tre bambine, tra cui una nipote.[1] Dal 1977 Ciaccio Montalto si trovò ad indagare sui mafiosi della provincia di Trapani e sui loro legami con il mondo imprenditoriale e bancario trapanese[3]: le inchieste si basarono anche su indagini patrimoniali, ricostruendo il percorso del denaro sporco nelle banche di Trapani.

A fine anni ’70 il suo lavoro si concentrò sul clan dei Minore: Antonino detto “Totò“, Calogero, Giuseppe e Giacomo. Sulla scrivania di Montalto finì, su sua richiesta, un dossier dei carabinieri in cui venivano riportate le attività del clan: omicidi, corruzione, spaccio di stupefacenti, traffico d’armi[4]. I Minore furono coinvolti in varie indagini come il finto sequestro dell’industriale Rodittis e il sequestro di Luigi Corleo. Il clan dei Minore era alleato dei corleonesi. Montalto fece riesumare perfino la salma di Giovanni Minore per verificare che fosse realmente morto d’infarto e si dice che quest’azione fu considerata blasfema dai Minore[2]. Nel ’79 Ciaccio Montalto chiese un mandato di cattura per traffico di materiale bellico[4] per Antonino Minore che fuggì da Trapani per evitare di essere arrestato.

Infine nell’ottobre 1982 Ciaccio Montalto spiccò quaranta ordini di cattura per associazione mafiosa contro mafiosi e imprenditori della zona, che però furono tutti scarcerati per insufficienza di prove nel giro di qualche mese. Ciaccio Montalto ricevette delle minacce e una croce nera fatta con una bomboletta spray sul cofano della sua Volkswagen Golf[2].

Montalto fino al 1982 visse con la moglie Marisa La Torre, anch’ella trapanese, e con le loro tre figlie Maria Irene, Elena e Silvia. Nel 2001 Marisa diverrà per alcuni mesi vicesindaco di Trapani.[5]

Deluso dallo scarso risultato delle sue inchieste, Ciaccio Montalto all’inizio degli anni ’80 decise di chiedere il trasferimento a Firenze in Toscana.

Tre settimane prima di essere ucciso, Ciaccio Montalto andò a Trento per incontrarsi con il procuratore Carlo Palermo al fine di scambiarsi informazioni riservate sull’inchiesta che riguardava il traffico di stupefacenti[4].

Omicidio Tuttavia nella notte del 25 gennaio 1983 alle 01:30 venne ucciso a Valderice da tre uomini armati di mitraglietta e due pistole calibro 38[6] mentre rientrava a casa, privo di scorta e a bordo della sua auto non blindata nonostante le minacce ricevute. I vicini non avvertirono le autorità perché sospettavano fossero spari legati ai cacciatori di frodo[2] e così il corpo esanime del magistrato venne ritrovato da un pastore alle 6:45. Ciaccio Montalto aveva quarantadue anni[7].

Esequie Le esequie di stato furono celebrate nella cattedrale di San Lorenzo dal vescovo di Trapani monsignor Emanuele Romano. Accorsero circa ventimila persone[2]. Il Presidente della repubblica Sandro Pertini presiedette poche ore dopo una convocazione ufficiale del consiglio superiore della magistratura a Palermo dove disse: « il popolo italiano non può essere confuso con il terrorismo e il popolo siciliano non può essere confuso con la mafia »[2] di Caltanissetta e la sentenza d’assoluzione venne confermata nel 1994 dalla Cassazione[9].

Nel 1995 le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia (Rosario Spatola, Giacoma Filippello, Vincenzo Calcara e Matteo Litrico) portarono all’identificazione dei veri responsabili dell’omicidio: vennero infatti rinviati a giudizio i boss mafiosi Salvatore RiinaMariano AgateMariano Asaro (ritenuto l’esecutore materiale) e l’avvocato massone Antonio Messina, che avevano ordinato il delitto perché il trasferimento ormai deciso del magistrato alla Procura di Firenze avrebbe minacciato gli interessi mafiosi in Toscana[10]. Nel 1998 Riina e Agate vennero condannati all’ergastolo in primo grado mentre l’avvocato Messina e Mariano Asaro vennero assolti; la sentenza venne anche confermata nei successivi due gradi di giudizio[11].

 

Note

  1. ^ a b scheda muro della memoria – Per Non Dimenticare
  2. ^ a b c d e f Saverio LodatoAnche l’83 fu un anno tremendo, in Trent’anni di mafia, Rizzoli, 2008, pp. 116-123, ISBN 978-88-17-01136-5.
  3. ^ ‘COSTA SI È VENDUTO, CI SONO LE PROVE’ – Repubblica.it
  4. ^ a b c UCCISERO IL GIUDICE CHE SAPEVA – Repubblica.it
  5. ^ https://www.bottegheoscure.it/rassegna/notdett.asp?quale=33
  6. ^ SCOTLAND YARD ESAMINA LE ARMI DELLA MAFIA – Repubblica.it
  7. ^ 25 gennaio 1983 Valderice (TP). Ucciso il Magistrato Gian Giacomo Ciaccio Montalto
  8. ^ UCCISI 2 KILLER DELLA MAFIA – Repubblica.it
  9. ^ TUTTI ASSOLTI PER L’OMICIDIO CIACCIO MONTALTO – Repubblica.it
  10. ^ FU RIINA A CONDANNARE A MORTE IL GIUDICE CIACCIO MONTALTO – Repubblica.it
  11. ^ NOTIZIE IN BREVE N3 | Articoli Arretrati Archiviato il 4 ottobre 2013 in Internet Archive.

Bibliografia