Falcone e Borsellino non sono i padri dell’ergastolo ostativo: in cella da 33 anni difendo la loro memoria

  Nonostante io sia in carcere ininterrottamente da quasi 33 anni non mi addolora l’ulteriore rinvio della Corte costituzionale che sospende fino all’8 novembre 2022 gli effetti della sua ordinanza del 2021 sull’illegittimità dell’articolo 4-bis dell’Ordinamento Penitenziario in relazione alla liberazione condizionale. Non che io sia d’accordo sul dare altro tempo al legislatore per una…

PAOLO BORSELLINO PER AMORE DELLA VERITÀ dal 28 giugno in libreria. Il 4 luglio presentazione nazionale a Palermo con Fiammetta Borsellino

  La famiglia Borsellino     Non era il numero due. Non era l’alter ego di Falcone. Non è stata una strage fotocopia. Hanno dovuto accelerare il massacro, e poi depistare le indagini, perché indagava sul riciclaggio del denaro del traffico di droga, in una Procura che aveva definito “un nido di vipere”. Da allora…

CAPACI BIS : Cassazione conferma i 4 ergastoli

Capaci bis, Cassazione conferma i quattro ergastoli – Confermata anche l’assoluzione di Vittorio Tutino A trent’anni di distanza dall’esplosione che il 23 maggio 1992 a Capaci uccise il giudice Giovanni Falcone, la moglie e i tre agenti della scorta, la Cassazione chiude i conti e condanna all’ergastolo i quattro mafiosi accusati di aver preso parte all’organizzazione…

«PALERMO, TORNA IN CARCERE il BOSS GUTTADAURO, ERA AI DOMICILIARI MA USAVA TELEGRAM»

13.6.2022 di Salvo Palazzolo Ha sempre approfittato dei permessi e dei benefici che riusciva ad ottenere: il boss Giuseppe Guttadauro, negli anni Ottanta ex aiuto primario dell’ospedale Civico, non si smentisce. Dagli arresti domiciliari, dove era finito a febbraio, continuava a intessere la sua rete di relazioni. Non è sfuggito ai carabinieri della sezione Anticrimine…

AGENDA ROSSA – Testimonianze e deposizioni

      Deposizioni Arcangioli ai processi –  Audio Deposizioni al Borsellino Quater di  Giuseppe Ayala – Audio Deposizione di Lucia Borsellino – Audio Le molteplici deposizioni del dottor Ayala L’agenda rossa di Paolo Borsellino sparisce nel nulla Emblematica è la vicenda relativa alla misteriosa scomparsa dell’agenda rossa del dottor Borsellino, dalla quale il magistrato, nel periodo…

SBARRE VISTA MARE…

  Le IMMAGINI VIDEO   ISOLA DI PROCIDA. STORIA DI UN CARCERE CHE GUARDAVA IL MARE La fortezza è conosciuta da tutti come il carcere di Terra Murata, situato nel borgo da cui prende il nome.  L’edificio nasce sul finire del 1500, su volere del Cardinale Inigo d’Avalos come residenza nobiliare e solo nel 1830…

PAOLO BORSELLINO: “Politica dovrebbe fare pulizia di coloro che sono raggiunti da fatti inquietanti, anche se non sono reati”

  Vi è stata una delega totale e inammissibile nei confronti della magistratura e delle forze dell’ordine a occuparsi esse solo del problema della mafia [… ]. E c’è un equivoco di fondo: si dice che quel politico era vicino alla mafia, che quel politico era stato accusato di avere interessi convergenti con la mafia,…

Comunali a Palermo, Fiammetta Borsellino: “Le cosche non sparano più ma fanno alleanze con politica ed economia”

  «Le organizzazioni criminali continuano a trovare alleanze nei settori strategici dell’economia e della politica: per questo non bisogna mai abbassare la guardia». Ne è convinta Fiammetta Borsellino, terzogenita di Paolo, il magistrato ucciso trent’anni fa nella strage di via D’Amelio: ieri, insieme con un nome storico della sinistra, l’ex presidente della Regione Puglia Nichi…

Processo Borsellino, legale degli agenti: “Chiedere la condanna è inaccettabile”

“Questi imputati hanno un passato, hanno una dignità, sono poliziotti, hanno una loro storia che comprende tantissime azioni svolte per contrastare la criminalità organizzata. Michele Ribaudo era un agente. Noi stiamo parlando di un soggetto che nella scala gerarchica della polizia è l’ultimo gradino assoluto e un altro soggetto che stava un gradino appena sopra,…

L’“equivoco di fondo”. Le elezioni palermitane e la questione mafia

  8 Giugno 2022 MICROMEGA Il rinnovato attivismo politico dell’ex presidente della Regione Sicilia Totò Cuffaro e di Marcello Dell’Utri in vista delle elezioni comunali del 12 giugno a Palermo e l’inquietante tentativo di ridimensionare il problema dei rapporti tra mafia e politica. L’arresto con l’accusa di “voto di scambio politico-mafioso” di Pietro Polizzi, candidato…