In galera da innocente per diciassette anni, la storia di Gaetano Murana

 

VIDEO – Intervista 

 

Gaetano Murana, fermato per un normale controllo di routine, racconta: «…Siamo arrivati alla Squadra Mobile, mi sono trovato in una stanza con un mucchio di funzionari, poliziotti… Mi hanno chiesto di parlare della strage di via D’Amelio… Io ridevo». «È una presa in giro? Cosa volete da me? Avete sbagliato persona? Sicuramente avete sbagliato persona, io sono Murana Gaetano!».

È proprio l’incontro con Murana una delle chiavi della svolta di Spatuzza:

Nell’agosto ’97, trovandomi nel carcere di Parma, ho incontrato Tanino Murana. Mi è rimasto impresso questo ragazzo perché sapevo di cosa era stato accusato, (…) mi raccontava di Pianosa, di quello che aveva vissuto, tra l’altro era stato arrestato con il bimbo che aveva due o tre mesi. Gli raggiava – così, ve la dico in siciliano – gli raggiava il cuore, perché sapete, tutti in carcere dicono che sono tutti innocenti, ma io che sapevo che effettivamente quello era innocente, mi rattristava, dicevo «porca della miseria…».

Del suo arresto, del suo soggiorno a Pianosa, il signor Murana ha voluto riferire, e non senza pena, dinanzi questa Commissione.

  • MURANA. Luglio ’94, la mia vita è finita! Si è distrutta! Tuttora la mia vita è distrutta! (…) Ho visto questa pattuglia borghese… mi hanno fermato. «Libretto e patente». Ho dato libretto e patente e mi hanno detto: «Si deve accomodare con noi in Questura». Dico: «vi portate la patente e il libretto… neanche per farmi perdere la giornata di lavoro…». «Non si preoccupi, due minuti, il tempo che arriviamo e può andare a lavorare». Siamo arrivati alla Squadra Mobile, mi sono trovato in una stanza con un mucchio di funzionari, poliziotti… Mi hanno chiesto di parlare della strage di via D’Amelio… Io ridevo: «È una presa in giro? Cosa volete da me? Avete sbagliato persona? Sicuramente avete sbagliato persona, io sono Murana Gaetano!».
  • FAVA, presidente della Commissione. Le è stato detto subito in quell’occasione che il suo accusatore era Scarantino?
  • MURANA, Sì, sì. «Scarantino ci ha fatto questo bel regalo». Io ridevo, io ridevo. Se non so nulla, ridevo… e giù schiaffi… alla Squadra Mobile mi hanno distrutto! Mi hanno distrutto!
  • Più passano le ore e più il netturbino dell’AMIA incomincia a rendersi conto che quel giorno non tornerà al lavoro.
  • MURANA. Io ero sicuro che appena mi interrogavano me ne andavo, uno che è innocente, non ha fatto nulla… Mi hanno interrogato, mica mi sono avvalso della facoltà di non rispondere! Siccome la dottoressa Boccassini mi ha detto «lei risponde?», c’era pure Tinebra, Petralia se non erro, ho detto: «certo che voglio rispondere”, «Scarantino le fa quest’accusa» e ho risposto: «c’è sbaglio»… si figuri che Scarantino non sapeva che macchina avevo io, pur essendo della stessa borgata, io avevo l’Opel e lui diceva che avevo la 127… Appena finisco l’interrogatorio, ho chiesto: «Me ne posso andare a casa?». Non la dimentico più l’espressione della dottoressa Boccassini… si gira verso di me e dice: «Murana, purtroppo ci sono indagini in corso, si deve accomodare in cella».

L’ARRIVO A PIANOSA

A Pianosa, Murana verrà tradotto dopo pochi giorni. Probabilmente, è ignaro del fatto che ad attenderlo c’è la sezione speciale chiamata Agrippa. Lui imparerà a conoscerla con un altro nome: Discoteca.

  • MURANA. Appena siamo arrivati a Pianosa mi hanno caricato in una jeep e siamo andati in una sezione che ha un soprannome, “Discoteca”, appena ho passato la soglia di questa sezione è iniziato il mio inferno, il mio calvario!
  • FAVA, presidente della Commissione. Perché?
  • MURANA. Botte dalla mattina alla sera, non si capiva, senza un motivo né nulla… Il primo giorno, il secondo giorno lo stesso. Dovevo passeggiare sempre. Appena mi vedevano seduto nella branda: «alzati, passeggia» …
  • FAVA, presidente della Commissione. Dentro la cella?
  • MURANA. Sì, sì. Una cella, un cubicolo. «Te lo dobbiamo dire noi quando ti devi fermare» … Ho perso la conta dei giorni… Gli indumenti, gli stessi di quando mi avevano arrestato, gli stessi, una magliettina giallina… Un giorno mi hanno massacrato, mi hanno massacrato!
  • FAVA, presidente della Commissione. L’hanno picchiata?
  • MURANA. Tutti i giorni. Mattina… notte quando stavo dormendo… «Ehi, che fa dormi? Sveglia!».
  • È possibile che nessuno si accorgesse di quanto stava accadendo?
  • D’ANDRIA, già direttore del carcere di Pianosa. Mah, guardi, io quando ho ricevuto la convocazione ho visto questo nominativo e, sinceramente, nella mia memoria non mi ricorda niente.
  • FAVA, presidente della Commissione. Scusi, Murana viene portato a Pianosa perché è imputato per la strage di Via D’Amelio, non può dirmi che il direttore del carcere di Pianosa non sapesse che uno degli imputati della strage di Via D’Amelio era ospite dell’istituto che dirigeva!
  • D’ANDRIA, già direttore del carcere di Pianosa. Eh, Presidente, però sono passati trent’anni! Rispetto a questo che sento dire, queste accuse… io sono portato ad escluderle.
  • D’Andria non ricorda chi sia Gaetano Murana: ne prendiamo atto. Quello che resta da capire è come far coesistere fra loro le diverse e contrapposte versioni dei fatti.
  • FAVA, presidente della Commissione. Mi faccia riproporre questa domanda, perché il signor Murana non ci è sembrato un millantatore, semmai una persona piuttosto provata da 17 anni di reclusione ingiusta. Di questi anni trascorsi a Pianosa ci ha raccontato situazioni molto specifiche, con molti dettagli che difficilmente si possono inventare… Parla di cose che accadevano quando lei era direttore. Come è possibile che ci siano versioni così lontane? Murana che parla di pestaggi, manganelli, umiliazioni, e lei che ci dice: «non mi sono mai accorto di nulla».
  • D’ANDRIA, già direttore del carcere di Pianosa. A Livorno c’era un magistrato di sorveglianza molto, molto rigoroso nella sua azione di vigilanza, di controllo, ma anche di garanzia dei diritti delle persone ristrette… Se ci fosse stato un clima di illegalità, un clima come quello delineato, si può pensare che un magistrato di sorveglianza non avrebbe adottato dei provvedimenti? Quello che racconta il signor Murana delinea uno scenario che a me sicuramente non risulta… Diciamo che nelle carceri del sud c’era un tipo di gestione del circuito che era molto leggera, nel senso che… magari in quelle sedi, Napoli piuttosto che Palermo, venivano concesse determinate prerogative, certe cose.

                                                                                                   VINCENZO SCARANTINO

IL RACCONTO DI MURANA

Un diverso approccio alla disciplina penitenziaria tra nord e sud, ecco chiarito l’arcano. Ma il punto che interessa questa relazione non è tanto (o solo) il trattamento ricevuto in carcere da Murana e da altri detenuti. Il punto è capire se e come questa condizione carceraria a Pianosa sia servita a orientare le indagini su via D’Amelio nel comodo binario che suggerivano le rivelazioni di Scarantino. Per uscir di metafora, sentiamo cosa racconta lo stesso Murana.

  • MURANA. Dopo un periodo di tempo mi chiamano per un colloquio investigativo… mi hanno detto che era la DDA di Caltanissetta… c’era uno che io ho conosciuto, un magistrato del gruppo Falcone-Borsellino… Faccio questo colloquio investigativo… Dice: «Noi siamo qua, non si preoccupi, la sua vita cambierà… qui c’è il depliant… ora stesso la portiamo via, andiamo a prendere la sua famiglia. Lei si deve raccontare» …
  • FAVA, presidente della Commissione. La proposta era di diventare un collaboratore di giustizia.
  • MURANA. Collaboratore di giustizia. Dissi: «non so nulla, non so nulla, che cosa volete da me?», «Andiamo, lei ancora è giovane, ha una moglie giovane, un bambino…». Gli ho detto: «senti, io non so nulla, a me dovete parlare di lavoro», e lui dice: «andiamo, guarda che belle ville, una valigia di soldi…». Dissi: «a me i soldi, le ville non mi interessano… io non consumo nessuno… sono innocente, non so nulla…». «Allora facciamo una cosa mi firma i verbali che ha fatto Scarantino». Dissi: «Perché gli devo firmare i verbali che ha fatto Scarantino. Mi faccia capire, le ho dette io o le ha dette Scarantino queste cose? Mica io gliel’ho detto… E allora perché devo firmare i verbali che ha fatto Scarantino?».
  • È un fermo immagine importante nella lunga ricostruzione del depistaggio. Murana dice in Commissione che durante un colloquio investigativo gli fu chiesto di sottoscrivere le dichiarazioni di Scarantino. In cambio? Una vita nuova, per lui e per la sua famiglia, ville e soldi. Gli viene addirittura mostrato un dépliant.
  • FAVA, presidente della Commissione. A questo colloquio era presente il suo avvocato?
  • MURANA. No, all’impensata sono venuti, no, no, nessuno! Colloqui investigativi, dissero. Erano magistrati di Caltanissetta. «Allora, ci firma?», dissi: «io non firmo nulla. Io non so niente».
  • FAVA, presidente della Commissione. Cioè avrebbero voluto che lei firmasse le dichiarazioni di Scarantino.
  • MURANA. Di avallare…
  • FAVA, presidente della Commissione. …di avallare le dichiarazioni di Scarantino
  • MURANA. Esatto, bravo, sì, così. Poi gli dissi: «ma perché devo firmare? L’ho detto io? Scarantino può dire quello che vuole, io sto dicendo che sono innocente». Mi dissero: «andiamo Murana…».
  • SCHILLACI, componente della Commissione. Quanti erano questi magistrati?
  • MURANA. Parecchi.
  • FAVA, presidente della Commissione. Può anche darsi che non fossero solo magistrati… lei si ricorda, per esempio, di avere mai conosciuto il dottor La Barbera che era anche il capo di questo gruppo investigativo Falcone-Borsellino?
  • MURANA. La Barbera? Sì, quando mi hanno portato nel suo ufficio.
  • FAVA, presidente della Commissione. A Palermo.
  • MURANA. Sì, lì nel suo ufficio, quando mi massacrarono.
  • FAVA, presidente della Commissione. E c’era anche lui quando ci fu questo colloquio investigativo a Pianosa?
  • MURANA. No.
  • FAVA, presidente della Commissione. Non c’era.
  • MURANA. No, perché lo conoscevo per figura.
  • FAVA, presidente della Commissione. Solo magistrati della D.D.A. di Caltanissetta…
  • MURANA. Sì, sì.
  • FAVA, presidente della Commissione. Però non ricorda come si chiamava.
  • MURANA. Non mi ricordo… A quest’ora l’avrei detto.
  • FAVA, presidente della Commissione. In quell’occasione lei con questi Magistrati della DDA di Caltanissetta parlò anche del trattamento che aveva ricevuto a Pianosa?
  • MURANA. No, no… Anzi quando me ne sono andato ho avuto la rimanenza. Come si dice in siciliano: “U riestu appi e mi ni ivu a discoteca”.
  • FAVA, presidente della Commissione. A questo colloquio investigativo assistevano anche personale…
  • MURANA. …della Polizia penitenziaria, sì!
  • Sul punto il dottor D’Andria è netto.
  • D’ANDRIA, già direttore del carcere di Pianosa. Lo escludo! I colloqui investigativi venivano svolti dal personale delegato dall’Autorità giudiziaria e si svolgeva in un ufficio con porte chiuse e, quindi, praticamente, con la non partecipazione del personale penitenziario.
  • FAVA, presidente della Commissione. Che questa sia la regola lo sappiamo. Le chiedevamo se, secondo lei, potesse esserci stata un’eccezione e, quindi, una presenza, come nel ricordo di Murana, anche di personale della Polizia penitenziaria.
  • D’ANDRIA, già direttore del carcere di Pianosa. Io non ricordo niente di questo genere e sono portato ad escluderlo.

Murana sarà l’ultimo a lasciare Pianosa, il 17 luglio 1997 (poco dopo, infatti, la struttura chiuderà i battenti). Tornerà libero solamente nell’ottobre 2011 grazie alle confessioni di Gaspare Spatuzza. Dopo diciassette anni di detenzione!

DOMANI 8.11.2021

 


Via D’Amelio, il netturbino condannato e poi assolto: “I depistaggi hanno distrutto la mia vita” – Parla Gaetano Murana, ex operaio Amia accusato falsamente dell’ex pentito Vincenzo Scarantino. La denuncia: “Niente e nessuno potrà ripagarmi questi 18 anni trascorsi in carcere da innocente. Ho subito vessazioni di ogni genere”


Gaspare Spatuzza

 

Murana è parte civile nel processo per il depistaggio sulla strage Borsellino, in corso a Caltanissetta. “Io mi aspetto giustizia – dice – perché la mia vita è distrutta. Io volevo trovare un lavoro dignitoso per potere campare la mia famiglia con onestà, ma mi hanno chiuso tutte le porte in faccia. Lo sanno tutti che Tanino Murana è innocente e che non c’entra niente con la strage. Io sono stato una vittima della giustizia”. E ci tiene a “ringraziare con tutto il cuore” il suo legale, l’avvocata Rosalba Di Gregorio che lo assiste da molti anni. “Si è battuta come un leone per me”, dice. “Come mai nessun altro…”. ADNKRONOS 21.7.2021


Strage via D’Amelio, Spatuzza rivelò a Grasso il depistaggio già nel 1998

Gaspare Spatuzza aveva svelato a Piero Grasso già nel 1998 che la storia della strage di via D’Amelio, come raccontata dal falso pentito Vincenzo Scarantino, era una balla. Non solo: in un colloquio investigativo rimasto finora segreto, Spatuzza aveva anche spiegato a Grasso perché Scarantino aveva mentito accusando se stesso e altri innocenti di reati mai compiuti. E aveva anche indicato il cognome del possibile responsabile di uno dei più grandi depistaggi della storia giudiziaria italiana: “Toto La Barbera” si legge nel verbale integrale che pubblichiamo su ilfattoquotidiano.it. Piero Grasso e il suo capo di allora, il procuratore nazionale antimafia Pierluigi Vigna, nel colloquio non chiedono a Spatuzza chi sia quel “Toto La Barbera”. 

Ci sono due funzionari della Polizia coinvolti in questa storia con quel cognome. Il primo si chiamava Arnaldo La Barbera, era il capo del pool che ha realizzato quello che – secondo lo stesso Sarantino – era un depistaggio studiato a tavolino. Nel 1998, quando Spatuzza parla di un “Toto La Barbera” a Grasso era Questore a Napoli, e morirà nel 2002, onorato come il superpoliziotto che ha scoperto i colpevoli della strage. Poi c’è Salvatore La Barbera: oggi è capo della Polizia Postale ed è indagato anche lui a Caltanissetta per calunnia a seguito delle nuove dichiarazioni di Scarantino. Allora era un giovanissimo funzionario che dipendeva dall’omonimo più anziano. “Certo a leggere oggi quel verbale qualche rammarico viene. Forse se si fosse battuto più su questa strada alcune cose sarebbero venute fuori tempo fa e la verità su persone innocenti sarebbero emerse prima”, ha commentato il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari.

In questi giorni si sta celebrando il nuovo processo per la strage di via D’Amelio e tra il pubblico sparuto c’è sempre seduto all’ultimo banco un signore magro con gli occhiali. Si chiama Gaetano Murana e – a causa delle false accuse di Vincenzo Scarantino – è rimasto in carcere in isolamento per 18 anni. Se i magistrati avessero ascoltato i suggerimenti di Spatuzza del 1998, sarebbe potuto uscire dal carcere dieci anni prima. Nel 1998 la condanna non era definitiva però “dopo quel colloquio investigativo non fui più richiamato da nessuno e così – ha chiosato martedì durante il suo interrogatorio in aula a Roma, Gaspare Spatuzza – ora siamo qui a rifare tutto il processo”.

Oggi, con il senno di poi, è facile dare più importanza alle parole dette nel 1998 da Spatuzza rispetto alle menzogne con il timbro della Polizia di Scarantino. Ma quel verbale non era firmato perché non era presente l’avvocato di Spatuzza. Il colloquio era “investigativo”, una sorta di corteggiamento per convincere Spatuzza a pentirsi. Essendo fallito quel verbale non vale nulla. Nonostante la richiesta dell’avvocato Flavio Sinatra, difensore di due degli imputati, Salvatore Madonia e Vittorio Tutino, la Corte mercoledì non ha ammesso il verbale tra gli atti del dibattimento. Spatuzza nel 1998 non arrivava a dire: “Procuratore Grasso sono stato io!” ma diceva: “So che qualcuno ha rubato l’auto così, l’ha preparata così e Scarantino mente”. I giudici di Caltanissetta non conoscevano queste parole quando condannavano all’ergastolo gli innocenti. Ecco perché, anche se non è rilevante dal punto di vista processuale, il verbale merita di essere riportato.

***
Grasso: Ah, così è. E quindi quelli che l’hanno avuta rubata non sanno niente?
Spatuzza: Non sanno niente poi, altri ladri l’hanno rubata a loro. Orofino (il carrozziere accusato dal falso pentito Vincenzo Scarantino di avere ospitato nella sua officina la preparzione dell’auto, ndr) non esiste questo.

Grasso: In che senso non esiste?
Spatuzza: Non esiste. Perché chi l’ha rubata, l’ha messa dentro e l’hanno preparata. (…) Lui è estraneo a tutto. Aveva subito un furto.

Grasso: Lei allora dice che Orofino non sa?
Spatuzza: Non esiste. Loro hanno questa situazione all’officina, e prendono per dire una macchina mia?

Grasso: E allora come è andata?
Spatuzza: Praticamente stu disgraziato di Orofino fu coinvolto pirchi c’iru a rubari i targhi a notti stissu.

Grasso: Anche le targhe hanno rubato? Ma allora non si è fatta nell’officina di Orofino la preparazione?
Spatuzza: Nru nru. (verosimilmente lo Spatuzza annuisce come per dire di no, ndr).

Grasso: E queste targhe di macchine a loro volta rubate?
Spatuzza: No, erano di macchine che Orofino aveva nell’officina.

Grasso: Orofino aveva le macchine, vanno a rubare nell’officina di Orofino la targa che lui aveva dentro in riparazione. Dopo la usano per metterla nella macchina dell’autobomba, cosi è? 
Spatuzza: Si

Grasso: Che viene preparata in un altro luogo, e non nell’officina di Orofino. E Scarantino in questa cosa che cosa che c’entra?
Spatuzza: Non esiste completamente .

Grasso: Non partecipa completamente?
Spatuzza: Non esiste.

Grasso: E scusi, com’è che allora le cose che lui ha detto che sa?
Spatuzza: Lui era a Pianosa, ha ammazzato un cristiano che doveva ammazzare, e ci ficiru diri chiddu ca nu avia adiri. Toto La Barbera.

Poi Grasso chiede dell’altro falso testimone di accusa, Andriotta. Spatuzza replica: “ ma, di… vieninu chisti? Si sono rifatti di nuovo pentiti? Tutti questi cinque nella stessa cordata, evidentemente”. Una cordata di falsi pentiti scoperta 10 anni dopo.

Da Il Fatto Quotidiano del 14 giugno 2013


DEPISTAGGIO…

 

La condanna di Gaetano Murana, che non c’entrava nulla con il massacro A CURA DELL’ASSOCIAZIONE COSA VOSTRA

Le false accuse di Calogero Pulci, che aveva riportato alcune confidenze che Murana gli avrebbe fatto quando entrambi erano nel carcere di Caltanissetta, portano alla condanna all’ergastolo. Dichiarazioni che la Corte d’Assise del Borsellino Quater ha giudicato come una “palese falsità”

In premessa all’esame degli elementi a carico di Calogero Pulci, si deve necessariamente accennare all’iter processuale che portava, con il contributo determinante delle sue dichiarazioni, alla condanna all’ergastolo, nell’ambito del processo c.d. Borsellino bis, di Gaetano Murana, per concorso nella strage di via Mariano D’Amelio del 19 luglio 1992.

Il dato di partenza è l’assoluzione di Murana dalla predetta accusa, all’esito del primo grado di giudizio, poiché, come per altri suoi coimputati (Vernengo Cosimo, Natale Gambino, La Mattina Giuseppe ed Urso Giuseppe), la Corte d’Assise di Caltanissetta riteneva carenti i necessari riscontri individualizzanti alle dichiarazioni di Scarantino Vincenzo, in base alle quali (in sintesi):

  •  Murana era presente, al pari di Scarantino alla riunione tenutasi nella villa di Calascibetta, dove rimanevano all’esterno del salone;
  • Murana si attivava, assieme a Scarantino, per portare la Fiat 126 nel garage di Orofino, il venerdì prima della strage ed era presente anche nel momento del caricamento dell’autobomba, presso detta officina, all’esterno dell’immobile, impegnato, come Scarantino, nell’attività di pattugliamento, durante il caricamento;
  • Murana partecipava anche al trasferimento dell’autobomba a piazza Leoni, la domenica mattina del 19 luglio 1992, con la sua autovettura (Opel o -come emerso dietro contestazione, in quel processo- Fiat 127 azzurra).

Come anticipato, a giudizio della Corte d’Assise, gli ulteriori elementi addotti a sostegno della responsabilità di Gaetano Murana, riguardavano (esclusivamente) il fatto nella sua materialità, giacché non vi era alcun altro collaboratore di giustizia che lo indicasse (direttamente, oppure de relato) come partecipe alla strage di via D’Amelio; la ritenuta appartenenza dello stesso alla ‘famiglia’ mafiosa della Guadagna, infatti, era una circostanza oggettivamente diversa ed ulteriore rispetto alla sua chiamata in correità per la strage, che non costituiva un elemento logico di riscontro, estrinseco ed individualizzante, rispetto al predetto ruolo materiale delineato da Vincenzo Scarantino.

LA CONDANNA ALL’ERGASTOLO  Ebbene, i giudici del secondo grado (come per altri imputati di quel processo), ribaltavano quel giudizio, condannando Gaetano Murana alla pena dell’ergastolo, ritenendolo colpevole di concorso nella strage e negli ulteriori delitti connessi. A detta conclusione, la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta n. 5/2002, emessa il 18 marzo 2002, perveniva dopo l’esame di Calogero Pulci – un appartenente a Cosa Nostra della provincia di Caltanissetta, già autista personale e uomo di fiducia del rappresentante provinciale Madonia Giuseppe (inteso “Piddu”) – che iniziava a collaborare con la giustizia nei mesi successivi alla pronuncia della sentenza di primo grado del processo c.d. Borsellino bis. Proprio le dichiarazioni inedite di Pulci sul conto di Gaetano Murana permettevano ai giudici di secondo grado di acquisire quel riscontro estrinseco ed individualizzante alla chiamata in correità di Vincenzo Scarantino, che mancava in primo grado.

Nel processo d’appello, infatti, Pulci spiegava che era stato detenuto nel carcere di Caltanissetta con lo stesso Murana, nel 1998-1999, all’epoca della celebrazione del secondo processo, di primo grado, per la strage di via D’Amelio, e che, in un colloquio avvenuto nell’ora d’aria, aveva rimproverato Murana per la leggerezza commessa dagli uomini d’onore della sua famiglia, nella realizzazione dell’eccidio, poiché avevano affidato un incarico così delicato ed importante “allo Scarantino di turno”. Murana -a dire del Pulci- si era difeso dall’accusa, senza negare il ruolo della sua famiglia nella realizzazione della strage, ma evidenziando il ruolo del tutto marginale di Scarantino, esclusivamente utilizzato per il furto della Fiat 126, commissionatogli da Salvatore Profeta, suo cognato e uomo d’onore della predetta famiglia.

In particolare, lo scambio di battute fra Pulci e Murana veniva giudicato, dalla Corte d’Assise d’Appello, sufficiente ad offrire adeguato riscontro estrinseco ed individualizzante alle accuse di Vincenzo Scarantino sul diretto protagonismo di Murana nella preparazione della strage, poiché il collaboratore di giustizia evidenziava -per la prima volta, proprio nell’esame dibattimentale in quel processo (sebbene avesse già reso dichiarazioni agli inquirenti, sul punto)- come Murana gli avesse spiegato che “il lavoro lo avevamo fatto noi della Guadagna”.

LE FALSE DICHIARAZIONI DI PULCI   Prima di proseguire nell’analisi della posizione dell’imputato, si riporta uno stralcio delle sue dichiarazioni rese nell’udienza dibattimentale del 7 marzo 2001, nell’ambito del processo d’appello c.d. Borsellino bis:

  • P.G. dott.ssa ROMEO: – Senta, e con Murana avete avuto occasione di discutere delle vostre… delle rispettive posizioni processuali?
  • PULCI CALOGERO: – La prima cosa che feci quando incontrai Murana, come e’ mio carattere o vizio, come si puo’ definire, poi ognuno lo definisce come meglio crede, io quando incontro una persona che conoscevo da fuori dentro il carcere faccio finta di non incontra… di non conoscerla, per vedere la reazione che fa. Cosa che feci con Scianna e cosa che feci con Murana. Quando lo feci con Murana Murana si spavento’ e ando’ da Scianna, dici: “Ma che c’ho fatto io a Pulci, che non mi saluta, che non mi ha salutato?”. Scianna dice: “Ma che ne so io, puo’ essere che magari non si ricorda di te”, dici: “Come non si ricorda di me? Ci siamo visti tante volte”. Tra l’altro una volta ero rimasto in panne sull’autostrada, proprio mentre andavo da Madonia, e fui soccorso dallo stesso Murana; cioe’, ci conoscevamo bene. E allora si chiari’, c’ho detto: “Sai, devi scusarmi, io non… sai con la testa da quando mi hanno sparato tanta… tanto bene non ci sto” ed e’ finita la prima discussione. Io volevo vedere la reazione, la reazione che aveva lui era spaventata, poi chiacchierando chiacchierando… perche’ se siamo in un carcere di 416 bis si chiacchiera di come taglieggiare a Tizio, a Caio o di come abbiamo taglieggiato all’altro, di come abbiamo ammazzato a questo e a quello; se siamo in un carcere di collaboratori, dove ora io mi trovo, si parla: “Quello ha accusato a quello”. Cioe’ ogni status che ha un detenuto parla dell’oggetto perche’ e’ detenuto. (…) Comunque, a Murana chiacchierando chiacchierando lo rimproverai, ci dissi: “Ma che razza di gente siete? – dico – Come, vi fidate di un Scarantino del genere pi’ iri a fare un travagliu cosi’ delicato? Ma veramente scimuniti siti dducu a Palermo?” e lui mi disse, dici: “Ma Scarantino – dici – non c’entra niente, Scarantino solo ci ha procurato la macchina, quello che ha detto Scarantino gliel’hanno fatto dire gli sbirri”. Io non c’ho voluto dire niente per non mi litigare, ma mi fece… mi pose la domanda, poiche’ io idiota non ci sono o almeno non mi ci sento, posso anche esserci ma io non me ne accorgo; ma scusa, gli sbirri non e’ che ti possono raccontare una cosa che non sanno perche’ Scarantino gliela racconta dettagliatamente? Gli sbirri possono avere l’idea di chi l’ha fatto, ma non del racconto, di come sono avvenute le cose. Comunque, io ho tagliato e l’ho allontanato; lo salutavamo ed e’ finita li’ la storia con Murana.
  • P.G. dott. FAVI: – Signor Pulci, proseguo io ora il suo esame. Senta, vorrei che lei tornasse con la mente nuovamente al colloquio, diciamo al discorso, al colloquio che lei ebbe con Murana, perche’ vorrei qualche maggiore dettaglio su questo colloquio. In sostanza Murana che ruolo attribuiva a Scarantino?
  • PULCI CALOGERO: – In sostanza Murana a me mi disse, giustificandosi, perche io lo aggredii offendendolo, perche’ nel nostro gergo dirci a uno: “Ma che razza di gente siete?” e’ come dirci sbirri, e dire sbirro a un uomo di “Cosa Nostra” e’ la peggiore parola che uno ci puo’ dire. Io invece di dirglielo cosi’ chiaro, sbirro, gliela girai in un altro modo che lui lo capi’, “Che razza di gente siete che vi siete portati a Scarantino, allo Scarantino di turno?”. E li’ lui cerco’ di giustificare il ruolo marginale che ebbe lo Scarantino. In sostanza lui non e’ che lo ha escluso che Ma… Scarantino abbia avuto un ruolo, lui lo esclude nel ruolo della strage materiale, ma lui giustificava dicendo che era il cognato che aveva partecipato alla strage, e che lui gli aveva procurato l’auto. Perche’ lo Scarantino era, diciamo, ladro d’auto, cioe’ un ladro di polli, non era un uomo d’onore. A questa risposta io gli domandai: “Ma scusi, Scarantino che ha da un anno – o due che aveva, ora in questo momento con la testa tanto bene non ci sono – parlava e tutti i detenuti seguiamo la cronaca tra i giornali e la televisione, che raccontava minuziosamente i luoghi, la riunione, la casa di quello, la casa dell’altro; scusami, gli sbirri come gliela potevano fare una ricostruzione del genere se non sapevano neanche che doveva succedere l’omicidio Borsellino?”. Cioe’, questo io non glielo dissi, altrimenti non lo dovevo salutare piu’ poi, cioe’ entravamo in una discussione che poi ci dovevamo litigare.
  • P.G. dott. FAVI: – Benissimo. Signor Pulci, che discorso esattamente le fece Murana?
  • PULCI CALOGERO: – Cioe’, Murana mi disse che “il lavoro lo avevamo fatto noi della Guadagna”, “noi”. Lui e’ della Guadagna pure; non l’avevano fatto loro, “l’avevamo fatto noi” e Scarantino aveva avuto solo il ruolo tramite il cognato di fornire la Fiat 126, quella che era, l’autovettura. Praticamente se lo da’ il ruolo Murana…
  • P.G. dott. FAVI: – Va bene.
  • PULCI CALOGERO: – … dicendomi: “L’abbiamo fatto noi della Guadagna”.
  • P.G. dott. FAVI: – Benissimo, signor Pulci, un momento ancora. In sostanza Murana sosteneva che le dichiarazioni di Scarantino erano state suggerite dagli sbirri; ma dava giudizi sul contenuto di queste dichiarazioni? Diceva che gli sbirri gli avevano fatto dire cose false o cose vere?
  • PULCI CALOGERO: – Cioe’, di… a me mi disse che gli sbirri gli fecero fare la ricostruzione del racconto di… di Scarantino; ma mi misi a ridere e tagliai, “Ma scusa, li sbirri cumu ti punnu ricostruire una cosa che non sanno?”. Cioe’, lui come si giustifico’: “Quello che dice Scarantino e’ vero, ma pero’ gliel’hanno suggerito gli sbirri”.
  • P.G. dott. FAVI: – Benissimo, era quello che volevo sentire.
  • PULCI CALOGERO: – Cioe’, non dice: “Scarantino mente”, “Scarantino dice il vero, pero’ gliel’hanno suggerito gli sbirri” dice Murana a me.
  • P.G. dott. FAVI: – Benissimo. PULCI CALOGERO: – E Murana a me mi dice: “Il lavoro l’abbiamo fatto noi della Guadagna”.
  • P.G. dott. FAVI – Si’. Senta, una domanda su un punto specifico: Murana dichiarava che Scarantino era uomo d’onore o no?
  • PULCI CALOGERO: – No, su questo termine non ci siamo arrivati, non gliel’ho chiesto, perche’ c’ho detto: “Che razza di gente vi portate?”; poi, che fa, gli chiedo: “E’ un uomo d’onore?”? Quando lui tra l’altro dice che ha fatto il favore al cognato, ma che e’ il cognato l’uomo d’onore.

A prescindere dalla progressività accusatoria delle predette dichiarazioni (comunque, alquanto sospetta, alla luce di quanto infra esposto), la palese falsità della confidenza carceraria di Murana a Pulci, anche in ordine al furto dell’autobomba da parte di Vincenzo Scarantino, emerge innanzitutto da quanto ampiamente accertato nel presente procedimento, in seguito alla collaborazione di Gaspare Spatuzza ed alla conseguente ricostruzione del segmento relativo al furto ed allo spostamento della Fiat 126 (oltre che alla sottrazione delle targhe da apporre sulla stessa), con il protagonismo della famiglia mafiosa di Brancaccio. Infatti, alla luce di quanto esposto in altra parte della motivazione sulla fase preparatoria ed esecutiva della strage di Via D’Amelio, è impossibile credere che Murana -da quanto emerso nel presente processo, assolutamente estraneo al furto ed allo spostamento della Fiat 126- abbia confidato a Pulci quanto sopra riportato. Anche a ritenere che appartenenti alla famiglia della Guadagna abbiano gestito altre fasi della strage di via D’Amelio (sulle quali permangono molte zone d’ombra), sarebbe comunque inspiegabile la rivelazione del Murana in merito ad un ruolo (come detto, inesistente) di Vincenzo Scarantino, per sottrarre la Fiat 126 di Pietrina Valenti, su incarico del cognato, Salvatore Profeta. Una valida chiave di lettura delle predette dichiarazioni di Calogero Pulci è offerta dall’analisi del suo percorso di collaboratore della giustizia, affatto peculiare e discutibile. Si deve, innanzitutto, rilevare (senza alcuna pretesa di completezza, considerato che, in più occasioni, il suo contributo veniva riconosciuto come attendibile e rilevante, oltre che degno del riconoscimento dell’attenuante speciale della c.d. dissociazione attuosa, nei processi celebrati a suo carico) che, a dire dello stesso imputato, la sua collaborazione con la giustizia, all’epoca delle dichiarazioni rese su questi fatti, era ancora parziale e reticente (ad esempio, sull’omicidio di Filippo Cianci, che l’imputato ammetterà solamente a partire dal settembre 2001, dopo la morte del padre, che forniva le armi ai killers). Peraltro, anche sul momento in cui Pulci passava da una collaborazione parziale ad una piena apertura all’autorità giudiziaria (almeno a suo dire), si registra una evidente oscillazione dichiarativa da parte dell’imputato. Sul punto, ci si limita a rilevare che Pulci (catturato, il 3 giugno 1994, a Grenoble in Francia e, successivamente, estradato in Italia), pur avendo manifestato la sua volontà di collaborare con l’autorità giudiziaria, sin dal novembre del 1999 (le misure di protezione venivano adottate ad aprile del 2000), veniva successivamente attinto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa, commessa anche da collaboratore, fino al settembre 2001 (vale a dire l’epoca in cui egli firmava i verbali illustrativi, in data 20 settembre 200184): per tale addebito, egli veniva catturato il 24 febbraio 2001 (dopo la richiesta di revoca, pochissimi giorni prima, delle misure di protezione) e, poi, condannato, con sentenza definitiva, in continuazione con analogo reato precedente, a tre anni di reclusione, poi ridotti -in appello- ad un anno e dieci mesi (cfr. sentenza Tribunale Collegiale Caltanissetta 20.11.200285). Dunque, in base a quanto definitivamente accertato, con il crisma dell’irrevocabilità, all’epoca delle dichiarazioni delle quali Pulci risponde in questa sede (tempus commissi delicti: 7 marzo 2001), l’imputato era appartenente al sodalizio mafioso di Cosa Nostra. E’ quindi ravvisabile nelle sue dichiarazioni


  • Il nucleo nero delle istituzioni dietro la Strage di Via d …
    https://www.tp24.it/2020/12/13/cultura/il-nucleo-nero-delle-istituzioni-dietro-la…
    13/12/2020 · Gaetano Murana è un uomo completamente innocente, che però ha due difetti molto gravi: non ha amici e non è ricco, anzi è un poveraccio, quindi non ha nessuno che lo difenda. Si è fatto diciotto anni di carcere, perché accusato da un falso pentito di aver partecipato alla strage di Borsellino.
     
    L’incubo di Murana, 18 anni in carcere da innocente per …
    https://www.leggo.it/italia/cronache/l_incubo_di_murana_18_anni…
    18/07/2019 · Gaetano Murana, 60 anni, è un fiume in piena.Polo blu, pantaloni verdi, occhiali e un viso scavato, l’ex netturbino dell’Amia di Palermo, è uno degli uomini accusati falsamente dell’ex pentito …
    Strage D’Amelio: Murana, 18 anni da innocente in carcere …
    https://www.liberoreporter.it/2021/07/flash/strage-damelio-murana-18…
    20/07/2021 · Tanino Murana oggi è un uomo di 62 anni. Magro, con lo sguardo a tratti fisso nel vuoto, torna indietro nel tempo. … Ma intanto Gaetano Murana ha trascorso in carcere tutta la sua giovinezza.
  • Via D’Amelio, il netturbino condannato e poi assolto “I …
    https://www.palermotoday.it/cronaca/anniversario-strage-via-d-amelio…
    18/07/2019 · Gaetano Murana ha 60 anni, il viso scavato ed è lacerato tra la voglia di giustizia da un lato e la consapevolezza che il tempo perso non tornerà più.
  • Gaetano Murana innocente in carcere per la strage di via D …
    https://www.youtube.com/watch?v=rNteNbAbx8Q
    Gaetano Murana innocente in carcere per la strage di via D’Amelio Dr Antonio Giangrande099.9708396 – 328.9163996 Leggi i libri e le inchieste su www.contro…
  • Via D’Amelio, Murana 18 anni in carcere da innocente …
    https://www.viagginews.com/2019/07/19/via-damelio-murana-carcere-innocente
    19/07/2019 · Gaetano Murana ricorda tutto con precisione. “Era il 17 luglio 1994, c’era Italia-Brasile in televisione per la finale dei Mondiali negli Stati Uniti. Mia moglie stava sparecchiando e nostro …
  • “Nell’inferno del carcere di Pianosa capii perché …
    https://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/10/29/news/nell_inferno_del…
    29/10/2011 · Gaetano Murana, scarcerato con altri cinque, compie 54 anni il 4 novembre: il suo primo compleanno da uomo libero dopo 18 anni in cella. Si racconta nella sua prima intervista.
  • In galera da innocente per diciassette anni, la storia di …
    demo.progettosanfrancesco.it/…/09/in…anni-la-storia-di-gaetano-murana
    09/11/2021 · Gaetano Murana, fermato per un normale controllo di routine, racconta: «…Siamo arrivati alla Squadra Mobile, mi sono trovato in una stanza con un mucchio di funzionari, poliziotti… Mi hanno chiesto di parlare della strage di via D’Amelio …
  • L’incubo di Murana, 18 anni in carcere da innocente per …
    https://www.leggo.it/italia/cronache/l_incubo_di_murana_18_anni…
    18/07/2019 · Gaetano Murana, 60 anni, è un fiume in piena.Polo blu, pantaloni verdi, occhiali e un viso scavato, l’ex netturbino dell’Amia di Palermo, è uno degli uomini accusati falsamente dell’ex pentito …
  • Via D’Amelio, il netturbino condannato e poi assolto “I …
    https://www.palermotoday.it/cronaca/anniversario-strage-via-d-amelio…
    18/07/2019 · Gaetano Murana ha 60 anni, il viso scavato ed è lacerato tra la voglia di giustizia da un lato e la consapevolezza che il tempo perso non tornerà più.
  • Sono stato all’inferno. Innocente – Pianosa | Radio 24
    https://www.radio24.ilsole24ore.com/programmi/pianosa/puntata/sono…
    08/08/2021 · Gaetano Murana viene arrestato sulla base delle dichiarazioni di un sedicente “pentito” detenuto a Pianosa e condannato all’ergastolo per la strage di …
  • Diciotto anni da innocente in carcere, ‘La mia vita è …
    https://www.adnkronos.com/diciotto-anni-da-innocente-in-carcere-la-mia…
    20/07/2021 · Ma intanto Gaetano Murana ha trascorso in carcere tutta la sua giovinezza. ‘E’ difficile dimenticare – dice – ero sposato da poco, con un bambino piccolo’
  • Gaetano Murana Profiles | Facebook
    https://www.facebook.com/public/Gaetano-Murana
    View the profiles of people named Gaetano Murana. Join Facebook to connect with Gaetano Murana and others you may know. Facebook gives people the power…
  • “Nell’inferno del carcere di Pianosa capii perché …
    https://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/10/29/news/nell_inferno_del…
    29/10/2011 · Gaetano Murana, scarcerato con altri cinque, compie 54 anni il 4 novembre: il suo primo compleanno da uomo libero dopo 18 anni in cella. Si racconta nella sua prima intervista.
  • Gaetano Murana libero | Strage Via D’Amelio | Paolo Borsellino
    https://www.michelesantoro.it/2011/12/gaetano-murana-libero-18-anni…
    21/12/2011 · Gaetano Murana è tornato in libertà dopo quasi 18 anni di carcere. Palermitano, di professione spazzino, incensurato finché Vincenzo Scarantino non lo accusa di essere tra gli esecutori della strage di via D’Amelio: arrestato il 19 luglio 1994, nel 2003 viene condannato in via definitiva per la strage (all’ergastolo) e per associazione …
  • Processo Borsellino, parte civile chiede risarcimento per …
    https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/cronaca/17_gennaio…
    12/01/2017 · L’avvocato ha chiuso il suo intervento chiedendo il risarcimento danni per Gaetano Murana, condannato ingiustamente all’ergastolo nel processo «Borsellino bis» sulla base delle dichiarazioni …